dinobecagli@virgilio.it

                                                                                                                    di terra & poesia il primo cd-audio dedicato a quanti stimolati dall'ascolto vorranno conoscere la figura e l'opera degli  autori  in  raccolta scoprendone la bellezza in un rinnovato interesse per la poesia lucana.

Home
 

I

 

P

O

E

T

I

ROCCO BRINDISI
Brindisi.gif (7439 byte)

 

U strazzr'
    
 
 
lu porcie l'avinn' apps' ind' ngasa, e la nv' nduv'nva la
                                                                     terra a la c'cra
lu fuoche ardia e l'ng'l' fascinn' pall' d' nv' cu l'an'ma d' li
                                                                             piccieninn'
gn'era chi appar'cchiva, chi purtava ata degna a cunzlrs
quann' era prond', cumbars' lu Strazzr'
accusc strazzr' ca gn' p'nna lu fra scars' da li cav'zn'
ma ind' l'ammuna, nisciun' lu uards'
zi M'chl', ca cumannava lu magnatorie, dop' av sun l'accis'torie
e cand lu squartatorie, d'scs' ca mangava na f'rcina
la figliola cunds' li f'rcin' cu la risa mmocca, r'n' giust'
ma zi M'chi' nz'sta ca gn' n' vulia n'ata
e la figliola s' m'tts' a cund f'rcin' e mm'tr' e ttutt' er' a ppost'
ma lu mastr' d' lu pan', pundnn' nu dir' vers' lu fra scars'
mezz' a li amm' d'lu Strazzr, d'scs':
— E queddu cr'stin', lu vulmm' r'man diggiun'? —
sccatts' a rrir' la nv' mmocca a Dde

Lo straccione. Il maiale lo avevano appeso in casa, e la neve indovinava la terra a occhi chiusi / il fuoco ardeva e gli angeli facevano palle di neve con l'anima dei bambini / c'era chi apparecchiava, chi portava altra legna ghiacciata a consolarsi / quando tutto era pronto, comparve lu Strazzr' / cos strappato che gli pendeva il fratello scaruso in mezzo alle gambe / ma nella confusione, nessuno lo guard / Zi M'chl', che comandava il Magnatorio, dopo aver suonato l'Accisitorio e aver cantato lo Squartatorio, disse che ci mancava una forchetta / la figliola che aveva messo la tavola, cont con una bella risata in bocca, le forchette / erano giuste, ma zi M'chl' insisteva che ce ne voleva un'altra / e la figliola, questa volta, si mise a contare invitati e forchette, ed era tutto a posto / ma il maestro del pane, puntando il dito al parente scarusato / che stava tra le gambe du Strazzr', disse: // — E quel cristiano, vogliamo tenerlo digiuno? — // scoppi a ridere la neve in bocca a Dio