dinobecagli@virgilio.it

                                                                                                                    di terra & poesia il primo cd-audio dedicato a quanti stimolati dall'ascolto vorranno conoscere la figura e l'opera degli  autori  in  raccolta scoprendone la bellezza in un rinnovato interesse per la poesia lucana.

Home
 

I

 

P

O

E

T

I

ISABELLA MORRA

 

Sonetto V
    
 

 

Non solo il Ciel vi fu largo e cortese,
caro Luigi, onor del secol nostro,
del raro stil, del ben purgato inchiostro,
ma del nobil soggetto, onde v'accese.
Alto signor e non umane imprese
ornan d'eterna fronde il capo vostro,
cose pi da pregiar che gemme od ostro,
che da' tarli e dal tempo san offese.
Il sacro volto aura soave inspira
al dotto petto, che lo tien fecondo
di gloriosi, anzi divini carmi.
Francesco l'arco de la vostra lira,
per lui ste oggi a null'altro secondo,
e potete col suon rompere i marmi

 

 
   

 

top

 

Home MORRA