dinobecagli@virgilio.it

                                                                                                                    di terra & poesia Ŕ il primo cd-audio dedicato a quanti stimolati dall'ascolto vorranno conoscere la figura e l'opera degli  autori  in  raccolta scoprendone la bellezza in un rinnovato interesse per la poesia lucana.

Home
 

I

 

P

O

E

T

I

ROCCO BRINDISI
Brindisi.gif (7439 byte)

 

Pan' candÓr'
    
 
 
pan' t'nur' a chiav'
vist' cresc' ind' ngasa, sott' a cuvŔrt', cappott' d' la uerra
pan' asciutt' e senza niÚnd'. pan' chi¨ bbell' d'nu b'scuˇtt'
pan' cu la cunzerva doscia, f˛rta
pan' ca ngÓv'rava lu diett', signÓr da na crosc' strazzÓra da li
piccieninn' e mis' nganna
pan' str'Ór' cu na pummadora, pan' e oglie, pan' acqua e oglie,
pan', acqua e zzucch'r', s'bbulcr' d' Crist'
pan' ca trasia ind' ngasa alla condrora e mbrufumÓva li mort'
pan' cu nu mozz'ch' d' mela, pan' e ddoie nosc'. menn'l' e pan'
pan' spiar', arr's'riÓr' cum' a nu raciopp' d' muscatiedda
a Dd'ie gn'ascia l'an'ma
pan' e pan', pan' arrusciÓt cu na forra d'oglie, pan' e fav'
m'ddýe basciar' da nderra e mis' mmo'cca!
b'llezza maie sott'sova
piccieninn' ca lu giÚnn' sunŔnn p' la via
sicurzýn chiÚn' d' patat' e uov', pan' cummuoglia pan'
figliol' nz'vÓr' d pan' spunzÓr', oglie e riegh'n'
 
p'an' e nu cucchiar' d' s¨gh' turnŔnn' da la sccola
masciarÓra d'or', arrubbÓra p' la strÓra
sand' ngiut¨r da lu ciel'!
pan spartur' a art', pan' ca nu ns' sfraÓglia, pan' sgravar' da li
                                                                                      mmÓn
pan’ assolut'
arramaccÓr da li criatur', cum' la nÚv'

Pane cantato Pane tenuto a chiave / visto crescere in casa, sotto coperte, cappotti della guerra / pane asciutto e senza niente, pane pi¨ bello di un biscotto / pane con la conserva dolce, amara / pane che riscalda il letto, segnato da una croce, strappata / dai bambini e messa in bocca / pane strofinato con un pomodoro, pane e olio, pane acqua e olio / pane acqua e zucchero, sepolcro di Cristo / pane che entrava in casa alla controra e profumava i morti / pane e mela, pane e noci, mandorle col pane / pane spiato, mangiato come un grappolo di moscatella / a Dio gli usciva l'anima / pane e pane, pane, una carezza di fuoco, tre dý olio. pane e fave / molliche baciate da terra e consolate in bocca // Faccia bella, mai rovesciata /bambini che lo andavano suonando per la via / pane riempito di patate e uova, pane che sposa il pane / figliole unte di pane olio/ e origano / pane con un cucchiaio di sugo, tornando dalla scuola / scorza d'oro, rubata sulle scale del forno / santi scimuniti dalle stelle / pane tagliato a arte, senza far cadere una briciola, pane / partorito dalle mani / pane assoluto / pane cantato dalle bugie dei bambini, come la neve